Archivi tag: brand

Crowdfunding – Lesson n°4. Come convertire i visitatori in donatori?

Argh! This is the question

Ho preparato una strepitosa campagna social. La mia pagina Facebook viene aggiornata frequentemente sui  miei progressi. Il mio Twittercinguetta a più non posso e dalla mia casella mail sono partiti decine di messaggi per amici, parenti, conoscenti e notabili del luogo. I risultati però non seguono le mie aspettative.

Cosa – e come – posso fare per trasformare i visitatori in entusiastici sostenitori?

Questa domanda aleggia in agenzia e, ne sono certa, turba il sonno dei Creatori.  Noi dello staff, pur  potendo contare su esperienza pluridecennale di fundraising e comunicazione , ci chiediamo continuamente : “quando le persone  vanno a vedere i progetti su Innamorati della Cultura, qual è il fattore che li spinge a scegliere un progetto piuttosto che un altro?”.  Mentre ci pensiamo, prepariamo strumenti di raccolta e fidelizzazione che, ne siamo certi, porteranno grandi frutti sia a noi che ai nostri Creatori.  Nel frattempo, mi limito a suggerire strategie utili per chi, oggi, deve affrontare la sua personale campagna di crowdfunding e risolvere lo stesso quesito. “Come possiamo convertire i visitatori in donatori?” La risposta più onesta che mi viene da dare è: “ci stiamo pensando”.

colore

Si dice che il libro non si può giudicare dalla copertina. Questo è vero, ma è altrettanto vero che le persone vengono attirate dalla confezione di un prodotto e, solo in un secondo tempo, da quello che c’è dentro. Mi sono così divertita ad andare a verificare l’incidenza che ha il colore nel determinare le scelte d’acquisto. Perché, mi ricordo bene, il mio capo sosteneva  che circa il 60-80% delle scelte d’acquisto viene determinato dal colore che ha l’annuncio. Una campagna di successo ha certamente molto a che fare con il colore – o i toni – utilizzati, che devono adeguarsi al contenuto. Credo che  la maggior parte delle campagne di comunicazione di successo e dei relativi prodotti partano da una forte identificazione con il colore. Solo il colore, intendo. Non le parole. Allora, mi chiedo: perché non utilizzare il colore come elemento di differenziazione del progetto pubblicato? Il colore è emozione e attira l’occhio. Il colore, a seconda dell’argomento trattato, può fungere da espansore oppure distogliere. Mettere il proprio progetto sulla piattaforma per avviare una campagna di crowdfunding ha molto a che fare con l’entusiasmo e il desiderio di riuscire. Perché allora non usare anche il colore per trasmettere questa voglia? E per attirare sulla mia vetrina personale un visitatore e, fatto non indifferente, invogliarlo a donare? Sembra banale, ma guardando le visite sul sito, il fattore colore determina davvero un aumento del numero di visite.

Note:

– McArdle, Simon, “Psychology of Color in Logo Design”, The Logo Company.

– “How do colors affect purchases?”, KISSmetrics.

– Miller, Jason, “True Colors: What Your Brand Colors Say about Your Business [Infographic]”, Marketo.

Follow Your Heart. Con il Personal Branding trova la tua vocazione e supera la crisi

Recentemente leggevo un articolo su Panorama il cui titolo era decisamente ottimistico: “Fatti un regalo…cambia vita”. L’articolo diceva più o meno quello che ho scritto io, parafrasando, nel mio. Ho trovato interessanti le storie di persone che ce l’hanno fatta. Chi utilizzando il fondo pensione e chi, esodato, ha pensato di rischiare il tutto per tutto mettendosi in proprio. Perché se è vero che l’Italia è piena di giovani senza occupazione, è altrettanto vero che i cinquantenni messi a casa dalla crisi sono decine di migliaia.

Senza voler giocare alla fatina dei sogni, ho pensato di analizzare con attenzione le cinque storie proposte dal noto giornale. Storie interessanti i cui protagonisti, di età e di esperienze professionali diverse, sono ricorsi a mezzi differenti per entrare nella loro nuova vita. Nicola Trois, 50 anni, agente immobiliare inattivo a causa della crisi, decide di coltivare la sua passione per la cucina dopo che un incidente lo costringe a letto per parecchi mesi. Si iscrive a un corso professionale di cucina, partecipa alla nota trasmissione televisiva condotta da Antonella Clerici, “La terra dei fuochi”, e infine, grazie all’amicizia con Dario Cecchini, il macellaio più famoso del mondo, si trasferisce a Panzano in Chianti in attesa di aprire un nuovo ristorante a Terranuova Braccialini, nei pressi di Arezzo, all’interno di una macelleria del 1947.

Monia Merlo, architetto vicentino 43enne, stimata e pluripremiata, che per caso pubblica alcune foto scattate ad un’amica su PhotoVogue, il sito del giornale dedicato ai nuovi talenti. A sorpresa la sua foto viene pubblicata in homepage e da lì entra a far parte di una mostra allestita durante la settimana della moda a Milano. In poco tempo, Monia firma un contratto con la Art+Commerce di New York e poco dopo viene scelta per la nuova campagna di Fendi Couture. Proprio come in un sogno. La trasformazione è avvenuta partendo da quello che era un semplice hobby e nel momento più difficile per l’edilizia italiana, dando vita a una professione estremamente ben retribuita e, per chi come Monia ha la passione per i viaggi, dinamica e divertente.

Di ben altro tono, più semplice e concreta, è la storia di Paola, 29enne laureata alla Cattolica di Milano con un posto fisso in uno studio di consulenza tributaria e fiscale a Milano. Paola decide di mollare tutto perché insofferente ai ritmi e al grigiore del lavoro fra le scartoffie. Insieme al fratello Emanuele allestisce una serra di circa 200 mq e inizia a coltivare fragole… La sua azienda agricola Malbosca, oltre alla frutta fresca, si specializza in fragole disidratate. Perché la laurea in economia serve certamente a individuare dove esiste mercato e dove portare innovazione. I due fratelli calcolano di raggiungere il pareggio nel 2014 e di crescere ancora. Certo, dice Paola, la vita in campagna è dura, ma la qualità di questa vita è impagabile. 

In tutti e tre i casi, il comune denominatore è la parola passione. Tre professionisti affermati, con competenze diverse che la crisi economica ha messo alle strette, hanno scelto di seguire le proprie passioni. Questo non significa matematicamente diventare miliardari, ma sicuramente aumentare il proprio quoziente di soddisfazione e di felicità. Nel Personal Branding, soprattutto quando la consulenza è richiesta da chi desidera cambiare lavoro o, magari  vuole migliorare la propria posizione professionale, sono solita dare largo spazio all’analisi dei valori profondi e dei desideri della persona. Il proprio brand è unico e irripetibile. Aiutando la persona a trovare la propria nota di fondo, quella che fa battere il cuore, è possibile creare un brand davvero personale e molto efficace.

LEGGI ANCHE:

– Ascolta la tua voce interiore. Il vero segreto per un Personal Branding di successo

– Personal Branding per sconfiggere la crisi

– Personal Branding. Parte seconda

– Criteri per un Personal Branding efficace

– Social Network per il Personal Branding: parliamo di LinkedIN

– La Mission. Passo fondamentale per definire il proprio brand

– Definisci i tuoi sogni ed entra in azione. Personal Branding pratico per donne in carriera

– La prima impressione è quella che conta. Allora, facciamola contare

 È arrivato il momento di rinnovare te stessa o il tuo brand?

Ogni cosa di te comunica. Attenzione a come lo fai

Qual è la prima cosa che ti viene in mente quando nomino Silvio Berlusconi? Oppure Michelle Hunziker, o ancora, Briatore? Sicuramente è qualcosa che li riguarda personalmente e non è riferito alla professione che svolgono. Quello che ricordi è quel qualcosa legato al loro Personal Brand.

Il modo in cui appariamo agli occhi degli altri è importante. Nel mio caso ho scelto uno stile sobrio ed elegante. Amo i tacchi e  mai e poi mai mi farei vedere da un cliente in jeans e maglietta. Alcuni miei colleghi lo fanno. Io ho scelto deliberatamente un look professionale, perché nel tempo questa è l’immagine che voglio dare di me.

Questo tipo di immagine è la stessa del mio sito web e della comunicazione istituzionale. I love chic. I want to be chic.  E tu? Hai mai dato uno sguardo a come  – e a cosa – comunichi agli altri. Per esempio, con il tuo sito web? Qui di seguito ti elenco 8 punti che per me sono basilari.

1. La firma della tua e-mail

Quando mandi le e-mail, assicurati che chi le riceve abbia la possibilità di vedere tutti i tuoi riferimenti: nome e cognome, numero di cellulare, sito web ed e-mail, numero fisso e fax. Comodo inserire i contatti Skype e, a mio avviso fondamentale, il link al proprio profilo Linkedin. Personalmente amo chi mi invia mail con un’immagine e trovo più facile entrare in contatto con chi vedo, piuttosto che con un anonimo sconosciuto.

2. Messaggio vocale

È vero, è impegnativo. Ma da quanto tempo non cambi la segreteria del tuo cellulare? Pensa un po’ alla differenza. Invece del solito messaggio “in questo momento non posso rispondere…” potrebbe esserci questo: “sono alla conferenza del Premio StellaRe. Lasciatemi un messaggio e vi richiamerò subito dopo la consegna”. Cambia tutto.

3. Contenuto delle e-mail

Leggere e rileggere. Aggiungere l’indirizzo soltanto quando la revision del testo è terminata, in modo da evitare una figura da ignorante, da distratto, da frettoloso. O ancora peggio, da superficiale.

4. Profilo Linkedin

Curare il profilo è essenziale. La foto deve essere significativa e aggiornata. La headline incisiva. Il sommario di ciò che fai e del perché puoi essere utile deve essere redatto con cura. Il link, inserito al fondo della mail, nella firma, dà forza al Personal Brand.

5. E-mail Address

Parliamo di indirizzo mail. Creare e poi usare un indirizzo business collegato al dominio del sito web. È professionale, unico, elegante. Dà un’idea di dimensione del business decisamente più ampia rispetto, ad esempio, a giorgio.rossi@gmail.com.

6. Business Card

Vero, esistono le tipografie. I biglietti da visita si comprano un po’ ovunque. La differenza tra questa tipologia, diciamo generica, e quella che scelgo per i miei clienti sta nella personalizzazione. Per definire il proprio Personal Brand e comunicarlo al mondo è necessario lavorare per  creare un’immagine coordinata. Dare il proprio biglietto da visita è fondamentale. Deve essere in linea con ciò che siamo e con ciò che facciamo. Ben scritto, chiaro, completo di nome, cognome, riferimenti, link ai social media. Si possono usare entrambi  i lati. L’importante è che sia professionale.

7. Attirare

Dettagli che fanno la differenza. Mia nonna diceva che era meglio essere vestiti un po’ meglio che un po’ peggio. Le scarpe fanno la differenza, le persone se ne accorgono. Scarpe di buona marca, pulite. Ecco un buon punto da cui partire.

8. Che auto guidi?

Tutto parla di te, anche la tua auto. Deve essere pulita e guidata da una persona educata, calma, che non bestemmia e che non scende a fare a cazzotti perché gli hanno tagliato la strada.

Qui sto sconfinando un pochino. Lo faccio volutamente perché il Personal Brand è definito anche dal tuo comportamento. Dipende dalla tua capacità di relazionarti con gli altri, che siano essi colleghi o clienti. E dipende anche da cosa scrivi sulla bacheca di Facebook. Perché se hai deciso che vuoi essere visto, allora devi anche stabilire che cosa vuoi mostrare di te e, con perseveranza e coerenza, costruire e poi mantenere  la direzione che hai deciso di imboccare.

LEGGI ANCHE:

– Ascolta la tua voce interiore. Il vero segreto per un Personal Branding di successo

– Personal Branding per sconfiggere la crisi

– Personal Branding. Parte seconda

– Criteri per un Personal Branding efficace

– Social Network per il Personal Branding: parliamo di LinkedIN

– La Mission. Passo fondamentale per definire il proprio brand

– Definisci i tuoi sogni ed entra in azione. Personal Branding pratico per donne in carriera

– La prima impressione è quella che conta. Allora, facciamola contare.

 È arrivato il momento di rinnovare te stessa o il tuo brand?

È arrivato il momento di rinnovare te stessa o il tuo brand?

In questi giorni, leggendo alcuni testi di Personal Branding, ho trovato interessanti alcuni passaggi di “Make a Name for Yourself” di Robin Fisher Roffer, forse la più esperta Personal Branding Manager che mi sia capitato di incontrare fino ad ora. A parte me, s’intende. 😉

L’assunto di base è che la tecnologia stia andando talmente veloce da darci l’impressione di essere sempre un passo indietro quando ci dobbiamo presentare. Quindi, come si fa a sapere quando è arrivato il momento di reinventare noi stesse, il nostro brand, la nostra mission? Per noi donne esistono diversi livelli in cui ci può capitare di doverci re-inventare. Il rientro al lavoro dopo aver cresciuto i figli, lasciare il posto fisso e diventare libere professioniste, oppure entrare in un settore completamente diverso rispetto a quello in cui abbiamo sempre lavorato, magari con la stessa mansione ma costrette ad aggiornarci e a cambiare.

Robin Fisher Roffer ha fondato la sua società Big Fish Marketing nel 1992 e ha lavorato con grandissimi brand come A&E, Bloomberg, Disney Channel, Food Network, Sony, Mattel and UBS e oggi aiuta i professionisti a creare il proprio personal brand. I suoi consigli sono un valido supporto per reinventare se stesse, per formulare la propria mission e il claim che meglio rappresenta la persona e il suo brand in modo autentico e trasparente.

Robin Fisher Roffer dice: “Ci stiamo muovendo così velocemente con le tecnologie e i social media che in un attimo puoi creare il tuo business o perderlo. È necessario evolversi in continuazione. È come togliere continuamente gli strati esterni per arrivare al cuore. Questo può accadere se si supera la paura. Solo così è possibile raggiungere la propria audience. Oltretutto, la competizione è talmente forte, il web è pieno di blog, di piattaforme, di e-commerce e di brand che sembra impossibile avere successo.” Quindi, come fare?

Alcuni trucchi per farsi notare

    • Dai al tuo pubblico qualcosa che lo sorprenda e lo diverta, pur mantenendo sempre fissa la tua misson.
    • Crea un claim, cioè una frase che definisca esattamente la tua mission e i tuoi valori. Chiunque lavori con te deve imparare questa frase a memoria e raccontare al mondo intero in che cosa consiste il tuo business.
    • Crea una strategia in grado di attirare l’attenzione su di te. Una storia, la tua storia. Quella che dipendenti e partner possono raccontare.
    • Espandi il tuo raggio d’azione servendo anziché vendendo o facendo marketing. Come? Comprendendo le esigenze del tuo pubblico e offrendo soluzioni.

 

Le 4 domande fondamentali da porti se hai necessità di reinventare te stessa

    • 1. Qual è la tua mission? Perché sei qui? Scopri il tuo vero scopo.
    • 2. Dove vuoi arrivare con il tuo business? Crea una frase che definisca la tua vision. Pensa in grande, non aver paura!
    • 3. Quali sono i benefici fondamentali del lavorare insieme a te? Che cos’è che ti differenzia dai tuoi concorrenti?
    • 4. Quanto vali? Cosa ti appassiona? Questo definirà il tuo modo di operare nel lavoro.

 

“The process of branding is very transformational. You are giving yourself permission to have your own unique style & voice. It will inspire you to embrace who you really are without apology & without selling out.”

Robin sottolinea che le persone spesso sono confuse fra ciò che vogliono e ciò di cui hanno bisogno. È importante lavorare sulla base di ciò che è necessario per noi. Quindi bisogna pensare a ciò che ci rende felici e scriverlo. Così si acquista chiarezza.

Nel suo caso specifico, Robin ha avuto bisogno per un certo periodo di organizzare la sua agenda sulla base degli impegni della figlia. Perciò prendeva solo clienti in grado di comprendere questa esigenza e non crearle stress. Perché è vero che come donna è sempre difficile farsi valere e, soprattutto, far valere le proprie necessità. Risulta quindi fondamentale scrivere una lista di ciò che si vuole e di ciò di cui si ha bisogno.

Esempio:
VOGLIO
Clienti remunerativi, inviti a eventi e biglietti per spettacoli, avere una società sofisticata, cose magnifiche. Più diamo spazio a ciò che vogliamo e più vogliamo…

HO BISOGNO
Di attrarre clienti e partner che comprendano il mio ruolo di madre; di circondarmi di persone e progetti che mi consentano di crescere professionalmente e come persona; di avere la mia vita personale con spazi di divertimento, relax e viaggi. Perché se le mie motivazioni sono basate sulle mie esigenze, attrarrò situazioni in grado di soddisfare i miei bisogni. E più le mie necessità sono soddisfatte, più sono soddisfatta io.

La prima impressione è quella che conta. Allora, facciamola contare.


A chi non è mai successo? Sei lì sulla porta. Tiri un bel respiro. Dai un’aggiustatina alla giacca, un colpetto ai capelli e via. Eccoti dentro una stanza piena di sconosciuti. Speranza, nervosismo, attesa. Ma che cosa rispondi quando il primo ti stringe la mano e ti chiede: “Lei di che cosa si occupa?”. Uhuhu. In tutta onestà, sei proprio certo che la tua risposta ogni volta sia il massimo dell’appeal? Pensaci, perché spesso moltissime persone – e non solo tu – lasciano scivolare via una bella opportunità per catturare l’attenzione, magari quella di un nuovo cliente. Eppure basta poco. La risposta “mi occupo di comunicazione”, nel mio caso banale, può e deve essere arricchita e costruita in maniera tale da diventare una vera e propria presentazione efficace.

Perché l’uomo, ricordiamocelo bene, è un animale curioso. E nulla aumenta la sua curiosità più di qualcosa di strano, bizzarro e inconsueto.

Una semplice presentazione può così trasformarsi in un potente veicolo di comunicazione del proprio Personal Brand. Come? È semplice:

  1. trova una frase corta che definisca quale beneficio porti ai tuoi clienti. Qualcosa come “ incoraggio”, “stimolo”, “nutro, “creo”, “esploro” “genero”, “spingo”.

  2. Descrivi in una sola parola chi sono i tuoi clienti: “giovani cantanti”, “donne in carriera, “amanti della buona cucina” , “mamme”.

  3. Trova una o due parole che riescano a definire il risultato che il tuo cliente vuole ottenere. Deve essere qualcosa di garbato e anche un po’ vago. Per esempio, prova ad usare espressioni del tipo “sembrare vent’anni più giovane” al posto di “dimagrire”, oppure “attrarre la giusta attenzione” invece di “cercare marito”.

  4. Prova a mettere tutto insieme. Verrà fuori la tua frase di presentazione. Corta, divertente, intrigante, efficace.

    Nel mio caso, tempo fa ho scelto il claim in inglese “turn ideas into real”. Perché mi sembra più intrigante dire a uno sconosciuto che mi occupo di concretizzare idee piuttosto che dire che mi occupo di marketing. Non so se ho reso l’idea.

    La risposta che solitamente mi arriva è: “Davvero? In che senso?”. Il ghiaccio è rotto.

    LEGGI ANCHE:

    – Ascolta la tua voce interiore. Il vero segreto per un Personal Branding di successo

    – Personal Branding per sconfiggere la crisi

    – Personal Branding. Parte seconda

    – Criteri per un Personal Branding efficace

    – Social Network per il Personal Branding: parliamo di LinkedIN

    La Mission. Passo fondamentale per definire il proprio brand

    Definisci i tuoi sogni ed entra in azione. Personal Branding pratico per donne in carriera

La Mission. Passo fondamentale per definire il proprio brand

Ritorno sul Personal Branding con alcune considerazioni sulla “mission” e sullo “statement”. La frase che sottolinea ciò che facciamo.

Gli esperti di branding, per aiutare l’azienda a definire il proprio brand, creano una frase che chiarisce lo scopo del brand e che porta avanti la coscienza corporate. Il famoso claim, tanto per intendersi.

“Dove c’è Barilla c’è casa”.

“Coca Cola. To refresh a thirsty world”.

“Sony. To make dreams come true”.

Per le persone accade la stessa cosa. Solitamente chiedo loro di definire ciò che fanno in sette parole o anche meno. Il claim è qualcosa che deve diventare un motto. Deve essere corto, incisivo. “Aiutare le persone a raggiungere i loro obiettivi” è perfetto per un coach, per un formatore ma anche per un avvocato. Il claim deve diventare parte di noi, recitato, scritto e utilizzato come un mantra per superare le paure quando ci troviamo in situazioni critiche.

Consiglio sempre di stampare il proprio claim e di metterlo in bella vista leggendolo e rileggendolo. È vero che non sempre quello che chiediamo ci arriva e non sempre arriva come e quando lo abbiamo chiesto; ma qualcosa arriva e quel qualcosa ha molto a che fare con il nostro “statement”.

Un altro passo importante è la visualizzazione. Un metodo veloce e consigliato per realizzare i propri obiettivi è quello di creare un “quaderno degli obiettivi”. Un album speciale su cui scrivere tutto quello che si desidera realizzare professionalmente, fatto di ritagli di interviste a persone che ci ispirano, oppure di situazioni in cui ci piacerebbe stare. Perché tutto ciò che noi cerchiamo ci sta già cercando. Creare il proprio Personal Brand ha a che fare con la definizione degli obiettivi. Quanto voglio guadagnare? Quante ore al giorno voglio lavorare? Che tipo di ruolo voglio assumere? La domanda chiave da fare è se sto vivendo bene oppure no. Mi devo chiedere se la vita che sto facendo mi piace veramente, se mi appassiona. Se la risposta è no, allora devo resettare i miei obiettivi e definire i miei sogni.

LEGGI ANCHE:

– Definisci i tuoi sogni ed entra in azione. Personal Branding pratico per donne in carriera

– Ascolta la tua voce interiore. Il vero segreto per un Personal Branding di successo

– Personal Branding per sconfiggere la crisi

– Personal Branding. Parte seconda

– Criteri per un Personal Branding efficace

– Social Network per il Personal Branding: parliamo di LinkedIN

Definisci i tuoi sogni ed entra in azione. Personal Branding pratico per donne in carriera

Ho letto una quantità impressionante di manuali di self help. Invariabilmente, ad un certo punto, si arriva al capitolo dedicato agli obiettivi. Sto parlando dei sogni e delle aspirazioni, ovviamente.  Il mio insegnante di PNL sostiene che “se non sai quello che vuoi alla fine ti troverai dove non volevi andare”. È proprio vero.

Obiettivi ben definiti sin nel più piccolo dettaglio sono fondamentali per raggiungere il successo. Ricordo allora, visto che sto trattando un  aspetto del Personal Branding dedicato a noi donne, che ogni brand ha degli obiettivi ben definiti. Pochi lo dicono ma per noi addetti è cosa nota. Affinché un brand diventi un successo è necessario che soddisfi due padroni. L’azienda è il primo di questi due padroni. I clienti sono il secondo. Un esempio concreto: la nuova Mito deve dare profitto ad Alfa Romeo ma, allo stesso tempo, deve soddisfare la richiesta di sportività e facile guidabilità richiesta dai clienti.

Quando  questa  regola viene  applicate alla propria carriera, se si è in azienda i padroni sono i nostri dipendenti,  se si è liberi professionisti i padroni di riferimento sono i nostri clienti. Ecco perché se siamo libere professioniste è importante definire con estrema chiarezza i benefici che vogliamo per noi stesse. Essendo noi le nostre padrone, come intendiamo beneficiare del nostro brand? I sogni, si sa, possono avere dimensioni diverse. Ecco allora perché è estremamente importante, una volta fissati  i propri obiettivi, definirli in maniera tale da renderli misurabili. Questo semplice accorgimento ci permette di verificare l’andamento del nostro brand a mano a mano che il tempo passa.

Ecco alcun esempi di obiettivo. Vogliamo guadagnare 100.000 euro all’anno; vogliamo essere nominate vice-presidente della nostra azienda; vogliamo vincere un premio; vogliamo essere invitate a parlare ad una certa conferenza oppure scrivere un saggio che ci farà acquisire reputazione e visibilità.

Nelle aziende solitamente si assumono dei consulenti per definire le strategie. Nel caso nostro, saremo noi a dover definire che cosa fare  – e come farlo –  per raggiungere i nostri obiettivi.

Maria, per esempio, ha perso il suo lavoro nel settore finanziario e assicurativo di una grande banca. Ha 51 anni, molta esperienza e una grande paura per essere entrata a far parte del “popolo delle partite Iva”. Cosa fare? Maria, aiutata dalle domande chiave già presentate in un precedente articolo, arriva a definire i suoi punti di forza:

° precisa e puntuale;

° più economica del  consulente bancario e sempre a disposizione del cliente;

° eccellenti referenze;

° pratica dei principali programmi di investimento e del mercato di riferimento;

° in grado di recarsi dal cliente permettendogli di risparmiare tempo.

La descrizione del brand per Maria potrebbe essere scritta in questo modo.

Piccole e medie imprese si rivolgono a Maria per avere consulenza su assicurazioni, fondi di investimento, programmi pensionistici.  Un manager su cui fare affidamento per tutte le esigenze. ll punto di riferimento per manager indaffarati”.

La tagline di Maria diventa: “soluzioni finanziarie per piccole imprese”. Breve, preciso, efficace.

LEGGI ANCHE:

– Ascolta la tua voce interiore. Il vero segreto per un Personal Branding di successo

– Personal Branding per sconfiggere la crisi

– Personal Branding. Parte seconda

– Criteri per un Personal Branding efficace

– Social Network per il Personal Branding: parliamo di LinkedIN

Criteri per un Personal Branding efficace

Torno a scrivere due parole sul Personal Branding, che  non è una tecnica per trovare lavoro in rete. O meglio, lo è nella misura in cui, individuato il proprio core value,  lo si usa per compilare  i propri profili social e la comunicazione  digitale esprimendo il proprio sé più autentico e i propri valori al mondo.  Rischiando così di andare a fare il lavoro per cui si è nati.

Un piccolo elenco di “perle di saggezza” da leggere e conservare.

1. Autenticità. Essere il tuo brand. Tu sei il CEO della tua vita. Il tuo brand deve essere costruito sulla tua vera personalità. Deve riflettere il tuo carattere, valori, visione e comportamento. Dovrebbe essere allineato con la tua Ambizione Personale.

2. Integrità. Devi aderire al comportamento morale e comportamentale della tua Ambizione Personale.

3. Consistenza. Devi essere consistente nel tuo comportamento. Questo significa avere coraggio. Gli altri possono contare su di te? Fai sempre le cose allo stesso modo? Un esempio? L’ovetto Kinder è sempre uguale. La Nutella è sempre uguale.

4. Specializzazione. Focalizzati su di un’area di specializzazione. Sii “choosy” e quello che sai fare imparalo sempre meglio. Cerca di essere preciso su di un aspetto unico, un solo talento. Essere generalista non ti porta da nessuna parte, genera confusione in chi ti ha di fronte.

5. Autorevolezza. Devi essere percepito come un vero specialista del tuo settore. Solo tu puoi fare certe cose e le puoi fare in quel modo.

6. Distinzione. Distinguiti per il tuo claim. Deve essere espresso in maniera tale da risultare unico e ben riconoscibile e, soprattutto, ben comprensibile. “Dove c’è Barilla c’è casa”. Più chiaro di così!

7. Rilevante. Ciò che tu affermi deve metterti in connessione con ciò che il tuo target di riferimento considera importante.

8Visibilità. Deve essere trasmesso e trasmesso e trasmesso, continuamente e ripetutamente, fino a che rimane impresso nella mente.

9. Persistenza. Il tuo brand ha bisogno di tempo per crescere. Deve essere sviluppato organicamente. Devi essere resiliente, non mollare. Grandi brand come Tiger Woods, Oprah, Madonna o, per restare in Italia, Luciana Littizzetto o Gramellini, hanno impiegato anni prima di diventare ciò che sono.

10. Benevolenza. Le persone fanno affari con chi trovano simpatico. Il tuo Personal Brand produrrà risultati migliori e durerà più a lungo se vieni percepito in  maniera positiva. Bill Gates, da quando ha aperto la sua fondazione, è certamente percepito come un grande benefattore.

11. Performance. La performance è importante. Se non cresci e non migliori continuamente, sviluppare un Personal Brand non serve a un bel niente.*

*Liberamente tratto da “Authentic Personal Branding” di Hubert K. Rampersad.

 

Personal Branding. Parte seconda

Leggo con molto interesse che il Personal Branding è diventato argomento da social. Evviva. Questo mi suggerisce che il Personal Branding è in salita e, forse, in auge.

Trovo una grandissima differenza fra gli articoli pubblicati in Italia e quelli americani. Soprattutto, noto che in Italia ci si riferisce al Personal Branding in due modi, quasi sempre non esatti. Il primo è che si tratti di un sistema per trovare lavoro su Internet creando profili ad hoc sui social. Il secondo che sia un lavoro di creazione di un’immagine – il famoso brand – su Internet. Come dire, ti cerco un marchio giusto, un sito giusto un claim giusto ti costruisco profili social ineccepibili e faccio di te un dio. Sì e no. La verità, come accade quasi sempre, sta nel mezzo.

Personal Branding, tanto per chiarire, è una precisa tecnica di comunicazione contenente diversi elementi di coaching, di marketing, di comunicazione d’impresa e studio dell’immagine. È qualcosa che si impara frequentando corsi universitari  – soprattutto americani – e poi con tanta, tanta pratica. Personalmente seguo da anni la corrente creata da Rampersad perchè, oltre ad eccellere nell’aspetto puramente teorico , ha creato una tecnica di analisi e di intervento di taglio olistico molto attuale e che consente di raggiungere risultati di grande eccellenza.

Lavorare per identificare il brand, che sia un’azienda o un professionista, significa fondamentalmente ricercare ciò che è in armonia con i sogni, lo  scopo della vita, i valori, le passioni, le competenze, l’unicità, il genio, le  specializzazioni, le caratteristiche e le cose che il cliente ama fare. In che modo si può fare tutto questo? Seguendo percorsi di analisi e strategie di valutazione aventi come unico scopo quello di definire con chiarezza l’identità personale stabilendo quali sono i veri valori, i punti di forza, l’unicità. Ecco perché la definizione di Personal Branding è olistica. Per esperienza so che questo tipo di lavoro regala un Personal Brand forte, organico e riflette ciò che il cliente ha di più autentico. La vita professionale prende così una piega diversa. Esiste la concreta possibilità di restare nel flusso attraendo situazioni e persone realmente in sintonia con ciò che si è. Un lavoro di Personal Branding meccanico, oserei dire cerebrale, comunica magari una bella immagine, contenuti  perfetti. Ma è qualcosa di fasullo che non porta vantaggio sul medio e lungo periodo. Anzi, voler diventare un prodotto e vendere se stessi, seppure in maniera ineccepibile, comunica egoismo, narcisismo. Manca il cuore, insomma. Manca la verità. Quanti prodotti sono stati creati dal marketing, messi sul mercato e hanno fallito? Con le persone è diverso, perché il Personal Branding si riferisce all’identità e all’essenza.

Questo schema, tratto da uno dei tanti libri che ho studiato in questi anni, a mio avviso riassume bene il concetto olistico del Personal Branding:

no vision + no hope + no faith + no selfknowledge + no self learning + no thinking + no mindset change + no integrity + no happiness + no passion + no sharing + no trust + no love = NO PERSONAL BRANDING.

Come dire, Oprah è Ophrah. Io sono io e tu sei tu. Ognuno di noi ha qualcosa di unico e di speciale. Ecco, il mio lavoro intende estrarre il diamante grezzo e farlo brillare. Utilizzando l’esperienza di comunicazione e di immagine e le tecniche di coaching e mentoring. Mettendo al centro la persona, con tutti gli strumenti che ho a disposizione.

Leggi anche: Personal Branding per sconfiggere la crisi.

Personal Branding per sconfiggere la crisi

Leggevo questa  mattina sul giornale di un team di manager over 50 uniti contro la crisi. Invece di soccombere, hanno formato un gruppo e, insieme al Politecnico di Torino, dato vita a un Hub creativo per offrire le proprie competenze al mercato del lavoro. Si può dire a ragione veduta che non è mai troppo tardi. I diversi fattori portano a credere che solo chi è artefice del proprio destino è in grado di cavalcare la crisi anziché subirla.

Mi aggancio a questa notizia per commentare il lavoro di “Personal Branding” che sto portando avanti per un mio cliente. Who? Manager quasi sessantenne rimasto senza lavoro. Estremamente skilled ma confuso, impaurito e, peggio, con famiglia  a carico. Cosa fare? Come farlo? Una bella sfida. Cito una frase di Philip H.Knight, co-fondatore e Ceo di Nike: “ Michael Jordan e Tiger Woods sono parte integrante di un grande sistema pubblicitario e il fatto che riescano a guadagnare così tanto denaro dipende dal fatto che il mercato ha deciso che loro devono guadagnare molto, il fatto che raccomandino i nostri prodotti ci permette di vendere di più e in questo modo di dare lavoro a più persone”.

In parole povere,  lavorare per  definire il personal branding  di qualcuno significa individuare il valore di una persona e trasformarlo in un brand. Il brand, la marca, è più importante del mercato stesso. Basta pensare che le persone sono disposte a pagare prezzi più alti se vi è un brand. Oggi, in presenza di un mercato in forte crisi, ogni libero professionista dovrebbe pensare di lavorare sul proprio brand prima ancora che sul suo mercato o sulla strategia.

ll lavoro sul Personal Branding ha degli indubbi vantaggi. Eccone alcuni:

        • Stimola la percezione dei valori personali e delle qualità.
        • Dice agli altri chi sei, cosa fai cosa ti rende differente, e cosa possono ottenere da te.
        • Influenza il modo in cui gli altri ti percepiscono.
        • Crea attesa di ciò che si può ottenere lavorando con te.
        • Crea un’ideantità che facilita il ricordo di ciò che sei nelle persone.
        • Facilita il pensiero che tu sei l’unica vera soluzione ai problemi.
        • Ti rende unico e migliore rispetto ai tuoi competitor.

 

Come tutto ha anche delle regole. Perché il Personal Branding è qualcosa che va oltre il marketing e la mera promozione di se stessi. L’immagine del tuo Personal Brand è la percezione che ha un’altra persona di te. Il proprio Personal Brand è la sintesi di tutte le attese, le immagini, le percezioni che si creano nelle menti delle persone quando sentono il tuo nome. Esempi? Einstein è il genio grande e gentile; Bill Gates è l’uomo dei geek, dei gadget e della filantropia.

Ecco una bella definizione che mi piace seguire quando progetto un nuovo lavoro: “Personal Branding means identifying and communicating what makes you unique, relevant and compelling so that you can advance  your career or business. It’s a way of clarifying and communicating what makes you different and special and using those qualities to separate yourself from your peers so that you can greatly expand your success”.