Archivi categoria: crowdfunding culturale

Il 21 e 23 marzo un laboratorio pratico per progettare e costruire una campagna di crowdfunding.

statua-libertù

In molti chiedono che cos’è il crowdfunding.   “Funziona davvero?” Il crowdfunding è un fenomeno che negli ultimi anni si è diffuso a macchia d’olio ed è in continua crescita, pur affondando le sue radici in un passato lontano.  Basti pensare che grazie al crowdfunding, nel 1873,  è stata finanziata la costruzione del piedistallo della Statua della Libertà di New York. Il termine, che racchiude in sé i concetti di folla (crowd) e finanziamento (funding), ha in realtà un significato ben più profondo, che per certi versi può essere sintetizzato come una raccolta fondi nell’era del digitale. I motivi principali della sua diffusione sono da ricercare nella situazione economica dei nostri giorni, oltre che nella crescente diffusione e viralità dei social media. Il crowdfunding consiste infatti nell’utilizzare internet per la raccolta di capitale da gruppi di persone con interessi comuni, per finanziare un progetto, un’iniziativa, un’idea.

PicsArt_1389127118529

Ecco un bellissimo esempio di crowdfunding, grandioso, magnificente, che racchiude in sé tutti gli elementi che possono rendere vincente un’idea: il Museo del Louvre nel settembre 2013 ha lanciato una campagna di raccolta fondi denominata Tous mécènes, “Tutti mecenati”, per finanziare il restauro della celebre Nike di Samotracia. L’obiettivo da raggiungere, entro il 31 dicembre 2013, era di un milione di euro, per garantire il completamento dei lavori entro marzo 2015.
E la campagna è anadata benissimo:  l’obiettivo è stato raggiunto!
Ecco qualche numero: sono stati 6700 i donatori privati e le aziende che hanno versato da 1 e 8.500 euro, l’offerta più ricorrente è stata di 50 euro e la donazione media di 134 euro.  Le donne sono state le maggiori donatrici (54%) e il popolo che più ha contribuito è stato  quello francese (92%).
Per incentivare la partecipazione alla campagna il Louvre ha pensato a piccoli regali per i donatori: da una visita privata al Museo (per donazioni superiori ai 200 euro) a una tessera degli Amici del Louvre, che consente l’accesso per un anno (donazioni superiori ai 300 euro) fino all’invito a una festa privata a fine restauro, per i più generosi.
Per rendere virale l’iniziativa, il 10 settembre 2013 il museo parigino ha lanciato la campagna anche sui social, in particolare su facebook.
L’obiettivo è stato quello di sensibilizzare gli amanti dell’arte a diventare per l’occasione oltre che donatori anche promotori stessi della raccolta. Gli “ambasciatori” hanno così creato dei profili online (ecco un esempio: https://louvre.friendraising.eu/stefano.ettore dove ciascuno ha pubblicizzato  e poi promosso tra i propri followers e sui diversi social network la campagna donazioni pro Nike.

y966 Japan, Zen, Kyudo archery, bow, arrow, elderly man from the side, concentration, religion Japan, Zen Kyudu, Bogenschiessen, Bogen, anlegen, people, Menschen
Japan, Zen, Kyudo archery, 

Cosa ci insegna il caso del Louvre?

Il Louvre aveva da sostenere il restauro di una delle opere più famose, grandiose e fotografate di tutto il Museo. Ma qualunque campagna, anche la più forte, va lanciata con una strategia adeguata, altrimenti resta un messaggio in una bottiglia, cieco e miope, trasportato dalla corrente senza mèta nell’infinito mare della rete: inutile, dunque, talvolta anche dannoso.
Il Louvre sapeva a chi rivolgersi e a chi parlare, conosceva il suo pubblico e ha saputo raggiungerlo e creare un senso di comunità attorno al proprio progetto.
Ha costruito un racconto capace di parlare al cuore delle persone, mettendo in evidenza l’importanza di questa campagna, la storia della Nike, patrimonio del Louvre, certo, ma di tutta la Francia e del mondo intero.
Ha fatto leva sulla responsabilità delle persone: la Nike è patrimonio comune e spetta a tutti salvaguardarla, conservarla, restaurarla, perché possa attraversare la storia e arrivare ai nostri figli, e ai figli dei nostri figli.
L’ha fatto con autenticità, mettendoci la faccia in prima persona. Non ha affidato la campagna a un’agenzia specializzata, ma ha gestito internamente ogni aspetto.
Ha saputo costruire un piano ricompense accattivante e stimolante, capace di invogliare le persone e le aziende a donare.
Ha saputo utilizzare i social per rendere #virale la call e raggiungere il maggior numero di persone.
ci-sono-solo-due-errori-che-si-possono-fare-nel-cammino-verso-il-vero

E ora veniamo a noi: cosa insegneremo al LABORATORIO PRATICO DEL 21 MARZO?

• Cos’è il crowdfunding e qual è il suo potenziale.
• Le donazioni e la normativa italiana. Finanziamenti, fundraising e crowdfunding. Tipologie di raccolta fondi e piattaforme esistenti italiane e straniere.
• Le potenzialità del portale www.innamoratidellacultura.it

Docente sarà Emanuela Negro-Ferrero, fondatrice della piattaforme e una delle massime esperte italiane di crowdfunding.
Nell’appuntamento del 23 marzo
Partendo da uno o due casi reali, fra quelli proposti dai partecipanti, lo staff di Fahreneit452,  società di comunicazione autrice  della campagna  per l’Indice dei Libri del Mese,  racconterà ai partecipanti le strategie e le tecniche che hanno messo in atto per raccogliere le donazioni.

In breve il programma:
• Analisi del contesto, il budget, le persone da raggiungere e coinvolgere
• La fase di divulgazione della campagna di raccolta, online e offline.
• Il video: la sua forza!
• Le ricompense
• Le attività di comunicazione: dall’ufficio stampa agli eventi
• L’uso dei social e la narrazione online
• Gli eventi
• Il ringraziamento
Per informazioni e iscrizioni
accademiadelcrowdfunding@gmail.com

Emanuela Negro-Ferrero – Ceo www.innamoratidellacultura.it

15 marzo 2016: corso base di crowdfunding per la cultura

crowdfunding 5Ce l’abbiamo fatta!  Finalmente, dopo mesi di gestazione, il  15 marzo 2016 alle ore 18.30 presso la Sala Grande dei Rinascimenti Sociali in Via Maria Vittoria n° 38, Torino – www.rinascimentisociali.org) partirà il nostro primo corso base di crowdfunding!

Abbiamo pensato a un primo incontro di due ore, non è nostra intenzione annoiarvi con fiumi di parole. Vogliamo però farvi uscire dall’aula con le idee chiare, gli strumenti giusti e le armi bene affilate, pronti per progettare la vostra campagna, metterla onlineconcluderla con successo.  Sappiamo tutti che l’argomento crowdfunding è vastissimo, ci sono tante cose da sapere, da imparare e da capire. Molte di queste nozioni sono teoriche e altre, moltissime altre, pratiche. Ecco perché la docenza verrà suddivisa fra due realtà: www.innamoratidellacultura.it   e  Fahrenheit452 www.effe452.it

indice 7

Chi c’è dietro Fahrenheit 452? A noi piace molto definirle le “Charlie’s Angels” della cultura.   Tre donne, coraggiose e intraprendenti proprio come i famosi angeli.  L’anno scorso hanno unito la loro professionalità in ambito comunicativo-culturale e  fondato un’agenzia torinese specializzata, per l’appunto, in comunicazione culturale crossmediale. Insieme a loro abbiamo ideato la fortunata campagna di comunicazione e crowdfunding per L’Indice dei Libri del Mese.

E’ solo grazie a Fahrenheit, alla loro professionalità, grinta e determinazione, la storica rivista letteraria oggi è dotata di un nuovo portale multimediale: www.lindiceonline.com. E a tutti i donatori, ovviamente.

La campagna dell’Indice dei Libri del Mese, che abbiamo segnalato come esempio a Ivana Pais per il report delle piattaforme del crowdfunding 2016 http://crowdfundingreport.telecomitalia.com/ è effettivamente un exit da studiare per poter replicare il successo. In due mesi sono stati raccolti oltre 15.000 euro. Molti, se si pensa che la media italiana delle raccolte nel 2015 si attesta sui 5.000 euro.

Insieme a Fahrenheit452 abbiamo costruito quello che può essere definito a pieno titolo una “best practice”, e come tale ve la vogliamo trasmettere. Crediamo nella condivisione e facciamo della co-creazione il nostro credo.

 

Alcune informazioni pratiche: 

il corso base sarà una serata introduttiva dedicata a chi vuole sapere e capire il crowdfunding e avrà un costo di 15 euro a persona (10 euro se porti un amico). Avrà una durata di due ore e sarà rivolto a chi è incuriosito da questo fenomeno in crescita, a chi ha in mente un progetto e vuole verificarne la scalabilità con l’assistenza di professionisti e a chi vuole imparare come si costruisce una campagna di crowdfunding.

Seguirà il laboratorio pratico che si svolgerà il 21 e 23 marzo dalle 18.00 alle 20.00 sempre presso i Rinascimenti Sociali.

Come già per il corso base, gli “innamoratidellacultura” e Fahrenheit 452 lavoreranno insieme.

Il costo di partecipazione al laboratorio è più alto: 120 euro a persona con promozione a 100 euro per chi porta un amico.

Ecco il programma del corso base:

  • Evoluzione storica: crowdsourcing e crowdfunding
  • Cos’è il crowdfunding e qual è il suo potenziale
  • I vari tipi di crowdfunding
  • Le donazioni e la normativa italiana
  • Differenza tra fundraising e crowdfunding
  • Tipologie di raccolta fondi e piattaforme esistenti italiane e straniere
  • Il crowdfunding secondo “Innamorati della cultura”: differenza fra una campagna in ambito culturale e campagne in altri settori (tecnologico,PMI, Startup)

Docente: Emanuela Negro-Ferrero

Crowdfunding-Bubble-Chart

 

 

  • Esame della campagna per L’Indice dei Libri del Mese
  • Dall’idea al piano di comunicazione
  • Strategie: cosa serve e cosa non serve fare
  • Posso fare da solo?

 Docenti: Raffaella Ronchetta – Laura Savarino

free-online-tools 

Informazioni pratiche:

Per il corso introduttivo i posti sono limitati. Potete iscrivervi inviando una mail ad accademiadelcrowdfunding@gmail.com, indicando il numero di persone che verrà con voi (in due avrete lo sconto!) Il pagamento avverrà in loco. 

Per il laboratorio pratico potete già prenotarvi inviando una mail ad accademiadelcrowdfunding@gmail.com e riceverete tutte le informazioni sul laboratorio . Come prenotarsi? versando un acconto pari a 50 euro su c/c Intesa San Paolo IT44P0306901083100000061768 intestato a PinkFishMarketing Ltd indicando come causale “iscrizione al laboratorio di crowdfunding” oppure su Paypal@pinkfishstyle.co.uk

Vi aspettiamo numerosi!

Emanuela Negro-Ferrero – enf@innamoratidellacultura.it

 

Lezione di crowdfunding n°22. Per avere successo servono fortuna e cuore.

Berkeley-Crowdfunding

In questi giorni stavo studiando i dati delle campagne di crowdfunding che hanno avuto  successo sul portale www.innamoratidellacultura.it nel 2015 . E’ mia intenzione  costruire una sorta di metrica in un mercato ancora talmente nuovo che qualsiasi dato pubblicato mi spinge a volerne controllare la  veridicità. Ogni giorno diverse persone  mi chiedono  quali siano secondo la mia esperienza gli elementi che hanno portato al successo alcune campagne e quali invece quelli  che hanno contribuito all’insuccesso o – personalmente preferisco questa versione – al non raggiungimento dell’obiettivo.

Questo  portale si occupa in maniera esclusiva di pubblicare campagne di tipo culturale. Le campagne di crowdfunding in questo ambito sono infatti profondamente differenti rispetto a quelle di tipo sociale o tecnologico. Sembra un assurdo, ma le persone generalmente non riescono ancora a considerare la cultura come uno degli aspetti chiave perché una società possa definirsi  democratica.  Chiedere soldi per realizzare un progetto culturale in Italia, paese che ospita il più grande patrimonio storico e architettonico di tutto il pianeta, produttore della creatività più copiata e invidiata non è percepito come urgente o indispensabile.  Per me questo ha dell’incredibile ma le cose stanno così.

autostima

I progettisti ormai sanno che raccogliere donazioni non è affatto semplice. Le campagne, a meno che si tratti di artisti noti, gruppi musicali arcinoti o produzioni nate nell’ambito del cinema, hanno la necessità indispensabile di comunicare al proprio pubblico la propria iniziativa in maniera il più possibile professionale e, emotiva. Perché l’unico modo che conosco per convincere una persona a sostenermi è quello di coinvolgerla emotivamente spiegando con estrema chiarezza perché deve farlo e che cosa ne ricaverà.  Un’analisi delle campagne pubblicate nel 2015 sul portale (mi riferisco a “Gipo lo zingaro della Barriera” ; “L’Indice dei Libri del Mese” ; “Il Giovane Salvator Rosa”)  fa emergere come fattore comune come  tutte queste campagne  avessero  realizzato un’ottima comunicazione (video impattanti, testi descrittivi ben scritti ed esaurienti, ricompense allettanti, belle immagini, comunicazione social e tradizionale ben fatta, divertente e abbastanza martellante)  ma che il vero “ingrediente segreto” per tutte queste campagne è stato senza  alcun dubbio  la presenza di un leader carismatico in grado di organizzare e dirigere una squadra di persone entusiaste e  focalizzate al raggiungimento dell’obiettivo.  cena in bianco io 3

 

Questo non significa che se la campagna viene condotta in solitario non è possibile avere successo. Quasi sempre in forma volontaria e del tutto gratuita. Noi italiani siamo bravi a creare reti, ma facciamo ancora fatica ad accorgerci di possedere questo talento.  Le mie statistiche mi dicono che quando c’è una squadra che lavora il risultato nel crowdfunding arriva  e senza troppa fatica. In alcuni casi,  la squadra era formata da due, tre persone. Per altre campagne la folla di sostenitori entusiasti si è formata poco a poco . Perché? Come è successo? Empatia. Simpatia. Allegria. Entusiasmo. Spesso chi si mette a fare troppi conti (il famoso “ quanto mi costa?”) non comprende che è esattamente il loro livello ragionieristico ad inchiodare  le campagne. In inglese viene definito “greed”. Le persone avare e avide non saranno mai in grado di raccogliere denaro dalla folla. Gli entusiasti e i generosi intuitivamente sanno che se chiedi ottieni. Chiedere senza attaccamento al  risultato porta, scusate il bisticcio, un grande risultato. Le persone se possono danno con grande generosità. Se la richiesta viene posta nel modo giusto. E la ricompensa che viene data esce dal cuore, non è un costo ma un ringraziamento per la donazione ricevuta.  Cioè denaro ottenuto gratis. Niente male.  Certo, l’atteggiamento non è tutto. Ho visto progettisti organizzare un piano strategico di attività da svolgere quotidianamente degno di un generale di corpo d’armata.  E su queste attività rimanere determinati e soprattutto fiduciosi. La verità è che non ci sono ricette segrete. Ci sono passi imprescindibili da compiere ma, alla base di tutto c’è un atteggiamento irriducibile e determinato verso la vittoria.

Emanuela Negro-Ferrero – CEO – enf@innamoratidellacultura.it

Lezione di Crowdfunding n° 21 – Facebook e la nuova funzone “dona”.

SOCIAL 3

Leggendo il report 2015 delle piattaforme di crowdfunding l’informazione che emerge con evidenza è che si tratta di un mercato in crescita e che, in Italia,  si sta rivelando sempre più affollato. Le grandi piattaforme sono sotto pressione, soprattutto quando si tratta di no-profit.

Il crowdfunding per campagne di tipo sociale come, ad esempio, calamità naturali, persone scomparse, cresce velocemente attraverso i canali digitali perchè la connessione è velocissima e il risultato spesso è eccellente.

Il colosso YouTube mette a disposizione dei suoi iscritti il sistema “Funfunding” e anche Facebook ha una sezione dedicata alle raccolte no-profit ma solo per alcuni tipi di campagna. Questa funzione è attiva dal 2013 e,  da quanto ho letto, sarà il 2016 l’anno della svolta. Non c’è ancora nulla di ufficiale ma è facile pensare che presto sarà possibile ottenere su FB una funzione dedicata al crowdfunding di tipo reward. Potrebbe rivelarsi  di grandissima utilità per campagne di ogni genere. In fondo si tratta di rimuovere il “non” davanti a “non- profit” e consentire raccolte dotate di una viralità straordinaria.

screenshot 3E’ un dato di fatto che le persone non surfano  sulle piattaforme di crowdfunding per vedere quali campagne sono pubblicate. Quando donano lo fanno perchè il progettista li ha coinvolti o perchè in qualche modo la campagna tocca un loro interesse specifico.

I pro di questo nuovo tipo di funzione a cui sta pensando Facebook, riguardano sostanzialmente:

  • Integrazione immediata
    Quando una campagna esce sui social media, il donatore deve comunque linkarsi alla piattaforma che ospita la campagna stessa ed eseguire il versamento uscendo quindi da Facebook.  Se quindi FB offrisse la possibilità di donare direttamente dalla pagina della campagna, questo giro di accorcerebbe.
  • Viralità
    Facebook consente ai suoi utilizzatori di unirsi alla campagna anche se non effettuano una donazione. Di laikarla, di condividerla e commentarla. Questo aumenta a dismisura la viralità del messaggio rendendo più semplice per il progettista allargare il proprio crowd.
  • Costi
    Al momento Facebook non carica alcuna provvigione per il servizio di raccolta donazioni. Ma, se e quando partirà il nuovo sistema, si può essere certi che la fee sarà molto più bassa dell’attuale 8% che rappresenta la media di quanto trattenuto dalle piattaforma per i servizi erogati.

I contro sono sicuramente il fatto che:

  • in Italia moltissime persone non utilizzano internet
  • la scarsa capacità di sfruttare appieno le potenzialità dei social media da parte dei progettisti italiani
  • Il lavoro di comunicazione effettuato dalla piattaforma da un lato e dal progettista dall’altro e sicuramente più incisive e penetrante rispetto a quello realizzato dal solo progettista. Come dire, two is better than one.

facebook

 

Rimaniamo affacciati a vedere che cosa succederà. Il mercato italiano, soprattutto quello digitale, è molto diverso rispetto a quello americano. In Italia gli e-commerce stentano a decollare perché le persone amano toccare e vedere le merce con mano.  Sarà così anche per le campagne di crowdfunding?  Staremo a vedere.

Emanuela Negro-Ferrero – CEO – enf@innamoratidellacultura.it

Lezione di crowdfunding n°18. Ringraziare i propri sostenitori è il giusto modo per creare una comunità di appassionati alle proprie idee e progetti.

indice 3Venerdì 13 novembre, negli spazi di Toolbox, lo staff dell’Indice dei Libri ha organizzato la “festa del ringraziamento”. Un allegro momento di incontro organizzato con cura per ringraziare personalmente gli oltre 100 donatori che hanno sostenuto con generosità ed entusiasmo la campagna di crowdfunding appoggiata sulla piattaforma www.innamoratidellacultura.it
I presupposti c’erano tutti. Prima di iniziare la campagna mi sono riunita un paio di volte con lo staff di Fahreneit452,   startup specializzata in comunicazione culturale a cui Mario Montalcini, nuovo Ad dell’Indice dei Libri del Mese ha affidato la gestione del crowdfunding e, una volta raccolto il denaro necessario, delegato la costruzione del nuovo sito della famosa rivista e la gestione dello stesso.
indice 2Insieme allo staff di Fahreneit452 abbiamo costruito una strategia che, partendo dallo storytelling, sino ad arrivare alle azioni vere e proprie di comunicazione, ha certamente creato i presupposti perché questa campagna di crowdfunding avesse successo. Per me è sempre più vero che il progettista che segue la campagna e se ne occupa senza remore o timori riesce ad avere successo. Invece, le campagne che vedo ferme sul portale non sono bloccate perché brutte o poco interessanti. Semplicemente non vengono seguite dai loro organizzatori. Questo per me rimane un vero mistero :perché montare una campagna di crwodfunding è faticoso. Che senso ha lasciarla languire sul portale?
indice 1Tornando alla “festa del ringraziamento” , ho trovato che la location fosse davvero azzeccata. Toolbox è il più grande spazio cittadino dedicato al coworking. Un edificio industriale ristrutturato magnificamente qualche anno fa e in grado di offrire scrivanie e sale riunioni per ogni esigenza e portafoglio. Anche l’organizzazione era perfetta. Il buffet, abbondante e ben curato. L’atmosfera gioiosa e rilassata. I donatori, hanno partecipato in molti. Vedere i sorrisi raggianti delle persone mi ha fatto pensare che il crowdfunding abbia qualcosa di magico. Mette veramente insieme le persone. Ma non si tratta di condivisione. Credo si tratti di qualcosa di diverso. Qualcosa che ha a che fare con la costruzione di un io comune.Partendo dalla condivisione si arriva alla comunione. Di intenti e poi di cuori.

E’ stata davvero una bella serata. Grazie all’Indice dei Libri, allo staff di Fahreneit452 e ai generosi sostenitori.

Emanuela Negro-Ferrero – Ceo – enf@innamoratidellacultura.it