Lezione di Crowdfunding n° 21 – Facebook e la nuova funzone “dona”.

SOCIAL 3

Leggendo il report 2015 delle piattaforme di crowdfunding l’informazione che emerge con evidenza è che si tratta di un mercato in crescita e che, in Italia,  si sta rivelando sempre più affollato. Le grandi piattaforme sono sotto pressione, soprattutto quando si tratta di no-profit.

Il crowdfunding per campagne di tipo sociale come, ad esempio, calamità naturali, persone scomparse, cresce velocemente attraverso i canali digitali perchè la connessione è velocissima e il risultato spesso è eccellente.

Il colosso YouTube mette a disposizione dei suoi iscritti il sistema “Funfunding” e anche Facebook ha una sezione dedicata alle raccolte no-profit ma solo per alcuni tipi di campagna. Questa funzione è attiva dal 2013 e,  da quanto ho letto, sarà il 2016 l’anno della svolta. Non c’è ancora nulla di ufficiale ma è facile pensare che presto sarà possibile ottenere su FB una funzione dedicata al crowdfunding di tipo reward. Potrebbe rivelarsi  di grandissima utilità per campagne di ogni genere. In fondo si tratta di rimuovere il “non” davanti a “non- profit” e consentire raccolte dotate di una viralità straordinaria.

screenshot 3E’ un dato di fatto che le persone non surfano  sulle piattaforme di crowdfunding per vedere quali campagne sono pubblicate. Quando donano lo fanno perchè il progettista li ha coinvolti o perchè in qualche modo la campagna tocca un loro interesse specifico.

I pro di questo nuovo tipo di funzione a cui sta pensando Facebook, riguardano sostanzialmente:

  • Integrazione immediata
    Quando una campagna esce sui social media, il donatore deve comunque linkarsi alla piattaforma che ospita la campagna stessa ed eseguire il versamento uscendo quindi da Facebook.  Se quindi FB offrisse la possibilità di donare direttamente dalla pagina della campagna, questo giro di accorcerebbe.
  • Viralità
    Facebook consente ai suoi utilizzatori di unirsi alla campagna anche se non effettuano una donazione. Di laikarla, di condividerla e commentarla. Questo aumenta a dismisura la viralità del messaggio rendendo più semplice per il progettista allargare il proprio crowd.
  • Costi
    Al momento Facebook non carica alcuna provvigione per il servizio di raccolta donazioni. Ma, se e quando partirà il nuovo sistema, si può essere certi che la fee sarà molto più bassa dell’attuale 8% che rappresenta la media di quanto trattenuto dalle piattaforma per i servizi erogati.

I contro sono sicuramente il fatto che:

  • in Italia moltissime persone non utilizzano internet
  • la scarsa capacità di sfruttare appieno le potenzialità dei social media da parte dei progettisti italiani
  • Il lavoro di comunicazione effettuato dalla piattaforma da un lato e dal progettista dall’altro e sicuramente più incisive e penetrante rispetto a quello realizzato dal solo progettista. Come dire, two is better than one.

facebook

 

Rimaniamo affacciati a vedere che cosa succederà. Il mercato italiano, soprattutto quello digitale, è molto diverso rispetto a quello americano. In Italia gli e-commerce stentano a decollare perché le persone amano toccare e vedere le merce con mano.  Sarà così anche per le campagne di crowdfunding?  Staremo a vedere.

Emanuela Negro-Ferrero – CEO – enf@innamoratidellacultura.it