Lezione di Crowdfunding n°19. Facebook serve per avere successo con la propria campagna? Certamente si!

facebook 3Ogni giorno, parlando con persone interessate ad attivare una campagna di crowdfunding, mi ritrovo a spiegare che esistono alcuni elementi imprescindibili. Ci sono passaggi che non si possono e non si devono saltare. La pianificazione è il primo step. La comunicazione il secondo. Ma anche il terzo, e il quarto e il quinto. Oggi parlerò di social media. E quindi di post, engagement e insights. Quindi di Facebook. Il social media più amato e utilizzato dagli italiani con oltre venti milioni di utenti giornalieri attivi.

Come funziona Facebook?
Il paragone che mi piace utilizzare di più perché trovo che sia estremamente chiarificatore è paragonare Facebook a una vetrina. La propria pagina Facebook serve infatti a mettere in mostra ciò che vogliamo comunicare. Che sia un pensiero, un’idea, un progetto o, appunto, una campagna di crowdfunding. A chi lo comunichiamo? Alla nostra comunità composta da amici, potenziali clienti, amici degli amici. Questa piattaforma sociale ha infatti la peculiarità di poter raggiungere una grandissima quantità di persone ampliando la comunicazione non dico a dismisura ma certamente moltissimo.
facebook 2

Ci sono progetti che hanno già una pagina Facebook. Altri che invece la aprono proprio perché hanno deciso di attivare una campagna di crowdfunding. Il mio consiglio, se vi trovate nella seconda situazione, è quello di aprirne una il prima possibile e iniziare a “farla crescere”. In questo modo, prima ancora di raccontare la campagna, molte persone ne sapranno già qualche cosa e il lancio sarà più seguito e semplice.

Che cosa sarebbe questo engagement?

E’ un termine inglese che significa “coinvolgimento”. Pubblicare dei post (le notizie) sulla bacheca della propria pagina Facebook va fatto con cognizione di causa. Inutile pubblicare a raffica. Facebook ha degli algoritmi che puniscono i pubblicatori seriali. Il consiglio è al massimo di tre post al giorno. Scegliendo bene che cosa pubblicare e come farlo. Il tono è tutto. Deve essere gentile, ammiccante, interessante e, coinvolgente! L’uso delle domande, la richiesta di un’opinione rende la comunità attiva e interattiva. Questo è quello che porta ad avere nuovi contatti e a diffondere la comunicazione.

facebook
Come si scrive un post?
Vero, non siamo tutti social media manager. Ma con poche regole ben chiare chiunque può diventare bravo e pubblicare post interessanti. Come già scritto sopra, l’obiettivo è quello di coinvolgere le persone e farle partecipare. Scrivere che avete una campagna pubblicata sul portale con il link del progetto difficilmente vi farà arrivare una donazione. Meglio raccontare  qualcosa di interessante. Un particolare che stuzzica la fantasia. O magari i ringraziamenti a chi ha già donato. Far vedere con l’uso di video e immagini  ai propri fan che cosa succcede giorno per giorno è un modo per far capire alle persone che siete veri. Che il progetto esiste e che procede proprio grazie all’aiuto di tutti quanti i sostenitori.
Personalmente amo i video.  Le persone li guardano volentieri. Soprattutto se sono divertenti e coinvolgenti. Corti, colorati, spiritosi. Vengono condivisi con piacere e certamente aiutano la diffusione.

Faceboolk e le funzioni della modalità “pagina”
Se avete aperto una pagina, Facebook mette a disposizione alcune funzioni utili per capire come si sta procedendo. Si chiamano insights e servono per raccogliere dati sul proprio pubblico di ammiratori. Si può capire quali sono i post più letti, a che ora sono stati letti, se vengono condivisi. E quante sono state le visualizzazioni. Altri dati importanti riportano l’età e il sesso di chi vi legge. Un bel modo per capire che cosa pubblicare, a chi e quando.
Emanuela Negro-Ferrero – enf @innamoratidellacultura.it